NEWSLETTER DONNE IN CAMPO N. 3/2017


IMMIGRAZIONE: ARRIVANO TUTORI PER MINORI; ASES E DONNE IN CAMPO DI CIA – AGRICOLTORI ITALIANI MOBILITATI PER PROMUOVERE L’IMPEGNO DEI CITTADINI

Arrivano i tutori dei minori migranti e anche Ases e Donne in Campo, le due associazioni di CIA – Agricoltori Italiani, si mobilitano per raccogliere la massima disponibilità dei cittadini di Lazio, Campania, Liguria, Provincia autonoma di Bolzano, Lombardia, Umbria, Piemonte, Valle d'Aosta, Toscana, Sardegna, Abruzzo e Molise, le regioni dove la macchina operativa, per diventare tutore volontario di un minore straniero non accompagnato in applicazione della legge 47/2017 è partita per prima. In queste Regioni, infatti, i garanti per l’infanzia regionali (o in alternativa l’Autorità Garante nazionale) hanno stretto accordi per primi con i tribunali dei minori ed hanno pubblicato l’avviso per diventare tutori volontari previa frequentazione di un corso apposito in anticipo rispetto alle altre Regioni che si sono adeguate alla normativa. Continua a leggere ...


PRODUZIONE DI TESSUTI DA FONTI NATURALI. AL VIA INDAGINE ISPRA-DONNE IN CAMPO

Costruire una grande vetrina culturale, una esposizione virtuale della produzione eco-sostenibile di fibra da fonti naturali e/o di recupero, di filati tramite tessitura artigianale, di tintura con principi naturali, di confezione di oggetti e/o capi di abbigliamento con materiali e metodi naturali e della trasmissione delle tecniche e tradizioni artigianali. E’ questo lo scopo dell’indagine portata avanti da Donne in Campo-Cia e Ispra, l’Istituto Superiore per la Ricerca e la Prevenzione Ambientale insieme all’Università di Córdoba (UNC Argentina). 

Obiettivo è scattare una “fotografia” dei materiali e delle metodologie impiegate per la confezione e colorazione naturale dei tessuti nelle varie Regioni italiane. Oggi infatti, è più che mai necessario evidenziare le attività produttive sostenibili che spesso rappresentano un eccezionale patrimonio culturale legato al mondo femminile. Tramite l’Università di Córdoba si vuole inoltre condurre un parallelo con quanto presente in Argentina; tutto ciò al fine di facilitare lo scambio e la complementazione di conoscenze e di esperienze. La tessitura nasce durante la Rivoluzione Neolitica, quando circa 10.000 anni fa si incominciarono ad addomesticare piante ed animali. La nascita dell’agricoltura, deve alle donne un contributo fondamentale visto che per il loro ruolo legato alla custodia della prole dovevano rimanere nelle vicinanze delle abitazioni, potendo così seguire le colture. Identica motivazione lega le donne alla tecnica della tessitura ed a quella della tintura delle fibre.  Continua a leggere ...

Per maggiori informazioni e per compilare il questionario scrivere a donneincampo@cia.it.


AL VIA IL XVI BANDO DEL PREMIO DE@ TERRA

E' stato pubblicato sul sito ISMEA il Bando di concorso per la selezione nazionale del Premio De@Terra" (XVI edizione), finalizzato all'individuazione di n.6 imprenditrici agricole operanti sul territorio nazionale che si siano distinte per la propria iniziativa imprenditoriale. Alle imprenditrici vincitrici del premio De@Terra 2017 sarà attribuito, quale premio, la partecipazione ad una visita di studio per lo scambio di buone prassi presso alcune realtà agricole dell'Unione europea, creando i presupposti per lo sviluppo e il consolidamento di effettive opportunità di crescita imprenditoriale. Termine per la presentazione delle domande, a pena di esclusione, entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 22 settembre 2017.


INCONTRO CON LE DONNE IN CAMPO TOSCANA PER IL PROGETTO WOMEN'S LEADERSHIP

26 ragazze di età tra i 15 ed i 18, accompagnate da 4 docenti e provenienti da due scuole private cattoliche americane, la Oakland Catholic High School in Pennsylvania, e la Ursuline Accademy in Massachusetts, hanno incontrato Donne in Campo e le imprenditrici toscane.

Questo incontro ha avuto inizio qualche mese fa quando un’agenzia internazionale specializzata in viaggi studio di studenti stranieri, considerando Donne in Campo la realtà imprenditoriale più rappresentativa per il settore agricolo, ha proposto a Donne in Campo Toscana di organizzare una giornata/ incontro per un gruppo di studentesse americane che grazie ad un progetto voluto dall’Amministrazione Obama per "Women's Leadership" avevano scelto l’Italia per studiare e conoscere la realtà delle donne imprenditrici al di fuori del loro Paese. Non è stato un lavoro facile, ma grazie alla collaborazione e disponibilità delle imprenditrici coinvolte sia potuto realizzare un’intensa giornata di confronto, di conoscenza delle imprenditrici, dei prodotti e del cibo e di attività pratiche. All’agriturismo Le Tassinaie, luogo dell’incontro, Anna Maria Dini ha presentato l’Associazione le sue finalità, i suoi scopi e le sue attività e nei loro interventi Lia Galli, Agrichef, Carla Guglielmi produttrice di grani antichi e Cristina di Carpegna, eccellente padrona di casa e produttrice di erbe aromatiche ed ortaggi biologici, hanno raccontato le loro esperienze ed attività e risposto alle numerose domande che le studentesse hanno fatto. All’incontro è seguita la visita aziendale nel corso della quale Cristina ha continuato a raccontare la sua esperienza e fatto visitare il suo orto-giardino e conoscere le innumerevoli essenze che coltiva e molte delle quali “sconosciute” per le giovani americane. Alla fine della visita tutte al lavoro, con le “mani in pasta” nei due laboratori: con Lia Galli le ragazze hanno preparato i Pici e con Cristina e la sua collaboratrice hanno realizzato una profumata crema con sapone naturale, cera d’api ed essenza di calendula. A tutto è seguito un pranzo degustazione con piatti realizzati esclusivamente con i prodotti dell’orto: insalate, torte salate, pasta con zucchini e fiori di zucca, bruschette con i paté di verdure ed i pici fatti durante il laboratorio di pasta, sono stati letteralmente “spolverati”! Prima della partenza i ringraziamenti, non formali, ma molto calorosi e sinceri del le docenti e lo scambio dei ricordi, i gagliardetti delle scuole per noi e le bandiere di Donne in Campo per i loro Istituti.


DONNE IN CAMPO-CIA CALABRIA: IL 7 LUGLIO A CASTROVILLARI "DONNE E AGRICOLTURA

"Donne e Agricoltura: evoluzione dell'impresa al femminile e integrazione di genere per lo sviluppo rurale. La tutela del lavoro nel settore agricolo e le nuove possibilità di aggregazione" . Questi i temi che sono stati affrontati il 7 luglio scorso, nel corso dell'evento informativo e formativo organizzato da Cia Calabria e Camera Minorile di Castrovillari, con il patrocinio dell'Ordine degli Avvocati e dell'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Castrovillari. Il convegno, che si è tenuto alle ore 16.30 presso l'Aula Magna dell'Ordine degli Avvocati, ha affrontato nel dettaglio le questioni dell'incidenza delle donne nel mondo agricolo; come nasce l'impresa; i requisiti di base per l'ottenimento della qualifica di Iap (Imprenditore agricolo professionale; i finanziamenti agevolati in agricoltura: Psr 2014-2020; la tutela del lavoro nell'azienda agricola; le reti d'impresa nel settore. Al dibattito, moderato dal presidente della Camera Minorile Luisa M. Fiorito, sono intervenuti: Maria Pirrone, imprenditrice agricola e presidente nazionale Agia; Antonella Greco, imprenditrice agricola e vicepresidente nazionale Donne in Campo; Giovanni Fazio, coordinatore Servizi alle Imprese Cia; Alessandro Zanfino, Autorità di Gestione Psr Regione Calabria; Flavio Vincenzo Ponte, ricercatore Diritto del Lavoro DiScAG Unical. Le conclusioni dei lavori sono state affidate a Claudia Merlino, responsabile nazionale settore Organizzazione e Sviluppo e Relazioni Sindacali Cia. All'evento hanno partecipato professionisti, imprese e associazioni che si occupano di donne in difficoltà e, più in generale, di soggetti che vivono in particolari condizioni di disagio economico: lo scopo, oltre quello squisitamente formativo, è stato quello di stimolare la creazione di una rete e la comunicazione tra realtà che non sempre riescono a interloquire, affinché si possa concretamente parlare di reali possibilità per le donne di affrancarsi da situazioni di violenza e disagio e di un'agricoltura autenticamente "sociale".


BARATTO DEI SAPERI: A SCUOLA DI VITICOLTURA E APICOLTURA NATURALE A ROVESCALA

Nel bellissimo paesaggio dell' Oltrepò Pavese si è svolto il 4 luglio scorso il "Baratto dei saperi", lo scambio di conoscenze tra agricoltrici, a cui ha partecipato un folto gruppo di Donne in Campo Lombardia insieme alla Presidente Renata Lovati ed alla Coordinatrice Chiara Nicolosi. L’incontro, dedicato alla viticoltura e all'apicoltura, si è svolto a Rovescala (Pv) presso l'azienda di Barbara Avellino.

“Nel 2008 - ha raccontato Barbara alle Donne in Campo- inseguendo un sogno, ho comprato una casa a Rovescala; a seguire è arrivata la vigna e il sogno è diventato un progetto e la mia realtà. Ho iniziato la mia attività seguendo i principi dell’agricoltura convenzionale e gradualmente, accumulando osservazioni ed esperienza, ho cominciato a orientarmi verso una viticoltura sostenibile e naturale attraverso la riduzione del numero dei trattamenti, l’utilizzo di sostanze a basso impatto e la gestione del vigneto nell’ottica di restituire equilibrio alle piante e rispetto all’ambiente e alle creature animali e vegetali che lo abitano“. Oggi l'azienda –ha continuato Barbara- è in conversione biologica, alleva anche api che integrano la loro attività nella vita della vigna, nei cui filari si coltivano anche piante aromatiche, e dove si cerca di consolidare la crescita di erbe spontanee e leguminose che creino un tappeto erboso utile anche al pascolo delle api. ...Continua a leggere



FIERA MILLENARIA DI GONZAGA: DONNE IN CAMPO CIA EST LOMBARDIA PRESENTANO 14 RICETTE PER CUCINARE LA PATATA

Quattordici ricette per cucinare la patata: dalla crema di porri e patate all’insalata di patate saporita, fino alle torte salate e ai dolci oltre ad una maxi patata di ricotta e un piatto di patate americane. È quanto presentato da Donne in Campo Cia-Est Lombardia lo scorso 5 settembre alla Fiera Millenaria di Gonzaga, nell’ambito dell’iniziativa il “Baratto dei Saperi”. Tutte le specialità sono state proposte come aperitivo-degustazione al pubblico che ha potuto votare la ricetta più buona. L’iniziativa è stata organizzata su impulso della presidente di Donne in Campo Cia-Est Lombardia Morena Torelli. In serata si è svolta la premiazione alla presenza di Renata Lovati, presidente di Donne in Campo Lombardia e Luigi Panarelli, presidente di Cia Est Lombardia. L’associazione rosa della Cia, molto attiva anche nel mantovano crea reti di donne in ambito rurale, tesse relazioni tra le aziende e costituisce comunità e gruppi locali. “Conoscersi e creare gruppi per le donne”, ha ricordato Donne in Campo, “è fondamentale. Il connubio straordinario tra donne e agricoltura passa attraverso l’amore per la terra, l’attenzione alla salubrità dei prodotti e ai processi produttivi e nell’impiego a tramandare le culture locali e le tradizioni alle nuove generazioni”.


VIAGGI IN CAMPO: DAL 25 AL 27 SETTEMBRE LE IMPRENDITRICI DEL VENETO VISITANO LE IMPRESE AGRICOLE DONNE IN CAMPO DELLE MARCHE

Devoluti dei fondi alle Donne in Campo del territorio di Amandola colpito dal sisma del 2016

Anche questa volta il successo di questa esperienza ha superato qualsiasi speranza e aspettativa.“Saperi” e “trasmissione dei Saperi” questo viaggio ha prodotto coinvolgimento, entusiasmo, soddisfazione, orgoglio, partecipazione, interesse. Le donne in Campo del Veneto, hanno incontrato nei tre giorni di visite realtà diverse marchigiane: Imprenditrici e imprenditori che producono prodotti che oltre ad essere buoni hanno anche effetti benefici per la salute, sempre coltivati con tecniche improntate nel rispetto del territorio e dalla salute dell'uomo, trasformate in mille modi diversi da: Agriturismo Case del Sole a Pesaro, Az. Agricola San Cesario di Mondavio, Az. Agricola Sant’Aldebrando e l’ Az. Agricola Casal san Giorgio di Fossombrone, le Cantine Politi di Loretello e l’Az.Agricola Montalbini di Arcevia, @Mecfarm di Falconara. In questa esperienza si è rafforzato e prodotto senso di appartenenza di condivisione e soprattutto, una varietà di saperi barattati che hanno a sua volta prodotto e rafforzato identità e legami tra le donne che lavorano in agricoltura. Valori che si si sono rafforzati ed espressi anche con il contributo economico che le Donne in Campo del Veneto hanno raccolto grazie ad eventi e progetti di educazione alimentare svolti nelle loro aziende. Il contributo è stato devoluto alle Donne in Campo del territorio di Amandola colpito dal sisma del 2016. A Lampedonia, presso l’agriturismo Casa Vecchia, Cinzia e Marika (Az. Agricola le Spiazzette) hanno ritirato l’assegno a nome di tutte le aziende del loro territorio e hanno proposto di utilizzato per un progetto di fattorie didattiche. Alla serata hanno partecipato la Presidente della commissione delle Pari Opportunità della Regione Marche Meri Maccari e l’Assessora alle Pari Opportunità del Comune di Amandola Sara Cruciani, la Presidente CIA Marche Mirella Gattari, la presidente Donna in Campo Mara Longhin, e i presidenti e funzionari della CIA della Provincia di Fermo e Ascoli. 


Visite: 323