L’ITALIA DELLE REGIONI: “LE AGRICOLTRICI PROTAGONISTE DELL’AGRICOLTURA DEL FUTURO”!


Pina Terenzi al primo festival delle regioni e delle province autonome

“Coinvolgere le donne dei territori rurali per contribuire alla costruzione di politiche regionali a lungo periodo che operino sul territorio a favore di cittadini ed imprese sui temi di intesse fondamentale per un futuro più sostenibile”: è quanto ha ribadito la Presidente Donne in Campo Pina Terenzi nel suo contributo ai lavori del Tavolo di lavoro “Terra, territorio e ambiente” nel corso del 1° festival delle Regioni e delle Province Autonome, che si svolge oggi e domani a Milano e Monza.

L’enorme valore sociale e culturale del contributo femminile alla nascita di agriturismi, ristorazione, vendita diretta, agricoltura sociale, fattorie didattiche costituisce insieme al forte impegno nella sicurezza alimentare, nel biologico, nella custodia della biodiversità, nella tutela del paesaggio e del suolo oltre che nella creazione di welfare e comunità, un contributo di innovazione che identifica le donne dell’agricoltura come la parte candidata a essere capofila nella costruzione e attuazione della transizione sostenibile.

Il ruolo delle Regioni per il futuro –ha continuato Pina Terenzi- potrà rafforzarsi attraverso il rilancio dei sistemi agroalimentari locali, come ad esempio ‘le Comunità del cibo’ istituite dalla Legge n 194/2015, sulla biodiversità e che possono essere la chiave per rafforzare la sicurezza alimentare, le produzioni di qualità e mettere in piedi un’azione collettiva che può coinvolgere intorno alle filiere agricole locali, le mense scolastiche e gli ospedali, i Gas e gli enti locali ecc.

Non di minore importanza –ha continuato Terenzi- sarebbe per le Regioni rilanciare il vivaismo forestale per rafforzare e connettere il patrimonio forestale italiano e fornire materiale vegetale autoctono e quindi più resiliente, per una maggiore sicurezza dei territori. Segnaliamo la necessità di formare i rappresentati delle Istituzioni e delle Politiche territoriali alla cura del paesaggio anche attraverso il contributo della Scuola di Paesaggio Emilio Sereni, uno dei più grandi studiosi di paesaggio agrario del nostro Paese: il ruolo dell’agricoltura e degli agricoltori nel dare forma ai paesaggi agrari che hanno fatto grande il nostro Paese –ha concluso Pina Terenzi- non è un ruolo a cui si possa o si debba rinunciare.


Gallery


Visite: 207